Ti interessa la cancellazione di ipoteche e dei pignoramenti perché sai già di essere ipotecato/pignorato e vuoi sapere se, in base alla normativa vigente, ti possiamo cancellare/riabilitare?

COMPILA IL MODULO ELETTRONICO DI RICHIESTA e sarai ricontattato VIA E-MAIL da un nostro consulente TEMPESTIVAMENTE E SENZA ALCUN IMPEGNO!!

ATTENZIONE: A TUTELA DELLA VOSTRA PRIVACY TUTTE LE COMUNICAZIONI AVVERRANNO IN MANIERA ANONIMA ESCLUSIVAMENTE VIA E-MAIL.

Servizio richiesto*
Nome*
Cognome*
Telefono*
Email*
Regione residenza*
Provincia residenza*
Codice Fiscale
Modalità contatto*
Dalle ore*
Alle ore*
Note*
    Scrivi il risultato
Informativa ai sensi del Decreto Legislativo 30/06/2006 n.196 "Codice in materia di trattamento dei dati personali".

VISUALIZZA L'INFORMATIVA

Accetto le condizioni

CHIAMACI SUBITO per informazioni allo Tel. 06 70008000

ACQUISTA SUBITO UNO DEI NOSTRI PACCHETTI DI VISURE PER VERIFICARE IL TUO NOME non solo in CRIF ma anche in CTC, EXPERIAN, CAI, BANCA D’ITALIA, CERVED , PROTESTI

IPOTECA
L’ipoteca, che nell’ordinamento italiano è regolata dagli articoli 2808 e seguenti del Codice civile, è un diritto reale di garanzia, concesso dal debitore o da un terzo su un bene, a garanzia di un credito, che attribuisce al creditore il potere di espropriare il bene e di essere soddisfatto con preferenza sul prezzo ricavato. In altri termini, attribuisce  un diritto di prelazione sul bene, volto a tutelare il creditore contro il pericolo di insolvenza, ponendolo al riparo dalla conseguenza dell’alienazione del bene vincolato o dal concorso di altri creditori non garantiti o meno garantiti.

Possono essere oggetto d’ipoteca :

  1. i beni immobili con le loro pertinenze;
  2. i beni mobili registrati;
  3. il diritto di superficie, il diritto dell’enfiteuta, quello del concedente sul fondo enfiteutico e l’usufrutto.
  4. Le rendite dello Stato.

Il diritto d’ipoteca si costituisce mediante iscrizione nell’apposito registro presso l’ufficio dei Registri immobiliari che ha competenza territoriale nel luogo dove si trova il bene. Tale iscrizione  ha carattere costitutivo nel senso che solo con l’iscrizione il diritto viene ad esistenza. Il diritto d’ipoteca è imprescrittibile, ma l’effetto dell’iscrizione è limitato a venti anni: prima del compimento del ventennio, pertanto, il creditore deve provvedere a rinnovare l’iscrizione , affinché l’ipoteca conservi i suoi effetti  ed il suo grado per altri venti anni.
In relazione alla fonte, la legge distingue l’ipoteca legale, giudiziale e volontaria.

  • l’ipoteca legale si ha quando è la legge stessa che attribuisce al creditore il diritto ad attenere l’iscrizione ipotecaria, senza il concorso della volontà del debitore.
  • l’ipoteca giudiziale ha la sua fonte in una sentenza di condanna al pagamento di una somma o all’adempimento di un’altra obbligazione o al risarcimento dei danni, alla sentenza è equiparato ogni altro provvedimento al quale la legge riconosce analogo effetto (es. decreto ingiuntivo esecutivo)
  • l’ipoteca volontaria ha la sua fonte in un contratto o da dichiarazione unilaterale di volontà da da parte del concedente, tale concessione deve assumere sotto pena di nullità, la forma di atto pubblico o di scrittura privata.

Gli effetti dell’iscrizione dell’ipoteca di estinguono dopo venti anni se non si procede alla rinnovazione, viceversa l’ipoteca si estingue o per l’estinzione del credito garantito o per perimento del bene ipotecato o per rinuncia del creditore, con lo spirare del termine a cui l’ipoteca è stata limitata o con il verificarsi della condizione risolutiva ed infine con il provvedimento che trasferisce all’acquirente il diritto espropriato e ordina la cancellazione dell’ipoteca.

IL PIGNORAMENTO


Per pignoramento in particolar modo l’art 492 c.p.c. si intende, in diritto, l’atto attraverso il quale ha inizio l’espropriazione forzata ai sensi dell’art. 491 del codice di procedura civile. Ai sensi dell’art. 492, in linea generale esso consiste nell’ingiunzione che l’ufficiale giudiziario fa al debitore di astenersi da ogni atto diretto a sottrarre i beni ad esso assoggettati alla garanzia del creditore espressamente indicato. L’ingiunzione inoltre deve contenere l’avvertimento che il debitore stesso può fare richiesta di sostituire  gli oggetti o i crediti pignorati con una corrispondente somma in denaro, pari all’importo dovuto più eventuali spese ed interessi. Questa istanza va depositata i cancelleria accompagnata da somma maggiore di un quinto del credito. La procedura è disciplinata dagli art. 491- 497 del codice di procedura civile. La disciplina generale del pignoramento è stata riformata dalla legge 80/2005 (in particolar modo l’art 492) che ha aggiunto una serie di adempimenti cui deve ottemperare l’ufficiale giudiziario che esegue il pignoramento. Le concrete modalità attraverso cui si attua il pignoramento sono determinate dalla natura del bene oggetto dell’esecuzione forzata, in particolare attraverso l’apprensione diretta del bene se si tratta di bene mobile, attraverso la trascrizione nei pubblici registri se ha per oggetto beni immobili ed infine attraverso la notifica se ha per oggetto i crediti del debitore. Una volta attivato il pignoramento, viene creata una lista di creditori chirografari e creditori privilegiati, dopodichè il bene è venduto all’asta, e il ricavato della vendita all’incanto è distribuito prima ai creditori privilegiati e poi l’eventuale somma restante a quelli chirografari. Soddisfatti tutti i creditori e detratte le spese processuali, l’eventuale somma restante viene restituita al debitore.