Per i debiti bancari, per i debiti finanziari e nel contenzioso  bancario in generale, è sempre possibile trovare delle soluzioni efficaci per ridurre i pagamenti in maniera significativa e nel pieno rispetto delle norme vigenti.

UCPC è uno studio di consulenza che da oltre 20 anni è specializzato nella gestione delle transazioni nel campo del contenzioso bancario.

Non hai pagato un finanziamento, una carta di credito, un mutuo, un leasing, hai un contenzioso con una banca o con una finanziaria, e vuoi sapere se ti possiamo aiutare ad ottenere uno SCONTO su quanto ti viene richiesto dalla banca, finanziaria, recupero crediti?

Sai già di avere un contenzioso con una banca o  una finanziaria e vuoi sapere se, in base alla normativa vigente, ti possiamo aiutare a ridurre i debiti bancari e i debiti finanziari?

COMPILA il modulo di richiesta informazioni e sarai immediatamente contattato da un nostro esperto


Servizio richiesto*
Nome*
Cognome*
Telefono*
Email*
Regione residenza*
Provincia residenza*
Codice Fiscale
Modalità contatto*
Dalle ore*
Alle ore*
Note*
    Scrivi il risultato
Informativa ai sensi del Decreto Legislativo 30/06/2006 n.196 "Codice in materia di trattamento dei dati personali".

VISUALIZZA L'INFORMATIVA

Accetto le condizioni

CHIAMACI SUBITO per informazioni allo Tel. 06 70008000

ACQUISTA SUBITO UNO DEI NOSTRI PACCHETTI DI VISURE PER VERIFICARE IL TUO NOME non solo in CRIF ma anche in CTC, EXPERIAN, CAI, BANCA D’ITALIA, CERVED , PROTESTI

TRANSAZIONI CONTENZIOSO BANCARIO

L’art. 1965 e ss. del c.c. disciplina il contratto di transazione, contratto con il quale le parti, facendosi reciproche concessioni, pongono fine a una lite già cominciata o prevengono una lite che può sorgere fra loro.La funzione propria di questo contratto  è dunque quella di ridurre i contenziosi nelle aule giudiziarie  italiane, mediante una definizione bonaria del contenzioso.

QUANDO SI  PUO’ RICORRERE ALLA TRANSAZIONE BANCARIA?

Come principio generale si può affermare che può essere oggetto di accordo transattivo qualsiasi lite avente contenuto patrimoniale, purché a carattere non personale (tale sarebbe una lite relativa al diritto agli alimenti)  nonché i diritti che per loro natura o per espressa previsione legge sono sottratti  alla disponibilità delle parti, pena la nullità del contratto.
Per ciò che concerne la forma del contratto, la legge non richiede di per sé la forma scritta a pena di nullità ma solo a fini probatorio, nel senso che l’intervenuta transazione potrà essere dimostrata solo per iscritto.